Materiali di teologia politica dell'Europa e contributi al realismo politico

L'Europa si definisce dall'interno con le grandi correnti che non cessano di attraversarla e che la percorrono da lunghissimi tempi (Lucien Febvre)

Ultime pubblicazioni

Per un critica della secolarizzazione
31 ottobre 2017

Per un critica della secolarizzazione

Lorem ipsum dolor sit amet, eu dolore quaerendum per. Ne vim minim sonet luptatum. Ius zril delenit no, ignota contentiones et pri, sanctus probatus e...

tag:

Apri

Finis Europae
30 ottobre 2017

Finis Europae

Lorem ipsum dolor sit amet, eu dolore quaerendum per. Ne vim minim sonet luptatum. Ius zril delenit no, ignota contentiones et pri, sanctus probatus e...

tag: ,

Apri

Leggi tutto

Ultimi articoli

Appunti su IL SECOLO GREVE di Mattia Ferraresi
Interventi, 1 dicembre 2018

Populismo come sintomo della malattia (mortale?) che affligge il liberalismo in Occidente: questa è la chiave di interpretazione che ci offre Marco Ferraresi in questo snello, ma denso pamphlet (edit...

Apri

Lorem ipsum dolor
Contributi, 1 dicembre 2018

Lorem ipsum dolor sit amet, eu dolore quaerendum per. Ne vim minim sonet luptatum. Ius zril delenit no, ignota contentiones et pri, sanctus probatus efficiantur ut eum. In fabulas salutandi qui. Ut pr...

Apri

Teologia politica
Ricerche, 29 novembre 2018

1. L’eone cristiano L’incidenza del paradigma teologico politico di fronte alla fine dell’eone cristiano potrebbe apparire esaurito. L’eone cristiano infatti ha costit...

Apri

Leggi tutto

Interventi: Il punto di vista di Epimeteo
Appunti su IL SECOLO GREVE di Mattia Ferraresi
1 dicembre 2018

Populismo come sintomo della malattia (mortale?) che affligge il liberalismo in Occidente: questa è la chiave di interpretazione che ci offre Marco Ferraresi in questo snello, ma denso pamphlet (edito da Marsilio nel 2017) che si mantiene elegantemente in equilibrio tra reportage giornalistico e approfondimento teoretico. Secondo la sua diagnosi, che può essere senz’altro condivisa, la crisi della democrazia liberale non è dovuta tanto ad un attacco esterno portato da un nemico dall’aspetto truce e dal linguaggio greve, quanto da fattori endogeni che vanno molto al di là di quelli economici: “(…) non sono le invasioni dei nuovi barbari a minacciare la cittadella liberale, sono le fondamenta della cittadella stessa a dare segni di cedimento.” (p. 8) L’aggressività e la rabbia che producono consenso per le pose muscolari dei leader populisti, innanzitutto del biondo platinato Donald Trump, si spiegano a partire da un sentimento di frustrazione e di insoddisfazione profonda che le ricette liberali, nonostante il brillante superamento della crisi del 2008, hanno finito per provocare nelle società avanzate del Nord-America e dell’Unione Europea. Il problema che mette in evidenza Ferraresi consiste nel fatto che questa “era della grande disillusione” è generata non tanto da fattori economici, quanto piuttosto da ciò che egli definisce come “una crisi esistenziale” (è questo il titolo del primo dei tre capitoli in cui è suddiviso il libro). Certo, il corrispondente da New York de Il Foglio segnala tutti i punti critici che permangono anche nel quadro economico e sociale degli Stati Uniti, nonostante i 15,8 milioni di nuovi posti di lavoro...
Apri

Contributi

Lorem ipsum dolor
Contributi, 1 dicembre 2018

Lorem ipsum dolor sit amet, eu dolore quaerendum per. Ne vim minim sonet luptatum. Ius zril delenit no, ignota contentiones et pri, sanctus probatus efficiantur ut eum. In fabulas salutandi qui. Ut pr...

Apri

Leggi tutto

Dello Spirito Libero - Officine Tronti

Lorem ipsum dolor sit amet, eu dolore quaerendum per. Ne vim minim sonet luptatum. Ius zril delenit no, ignota contentiones et pri, sanctus probatus efficiantur ut eum. In fabulas salutandi qui


Vai

Ricerche: Le ricerche di Epimeteo
Teologia politica
29 novembre 2018

1. L’eone cristiano L’incidenza del paradigma teologico politico di fronte alla fine dell’eone cristiano potrebbe apparire esaurito. L’eone cristiano infatti ha costituito il fondamento e il compimento del Nomos europeo; ne ha determinato l’unità spazio-temporale in relazione ad una rappresentazione non generica del trascendente, ma cristologico-trinitaria. Con l’affermazione dell’eone cristiano si sono formate quelle architravi secolari della Chiesa e dell’Impero, che hanno permesso al continente europeo di diventare un mondo dalla lunga durata. Oltrepassando un monoteismo incapace di rappresentazione, il dogma Jesus est Christus e quello trinitario hanno permesso sul suolo europeo una forma istituzionale personalistica e un concreto limes dogmatico-geopolitico, in cui auctoritas e veritas si sono corrisposte. La confessio è stata essenziale per assegnare alla fides una rilevanza storica. Visibilità, rappresentazione, carattere personale dell’autorità sono stati tratti peculiari di una civiltà ancorata alla relazione tra unità politica e un trascendente trinitario. La rivelazione della persona divina e il conseguente radicale mutamento antropologico hanno fatto sì che il teologico non si sottraesse alla politicità dell’eone; dogma e spazio ne hanno guidato la storia.

    L’analogia tra ordo concreto-ordine divino si è dimostrata storicamente essenziale anche nel circoscrivere la potenza dell’annuncio messianico, in sé anarchico (d’altra parte anche la guerra civile porta in sé un radicamento mess...
    Apri

Copyright | Privacy | Credits