Materiali di teologia politica dell'Europa e contributi al realismo politico

L'Europa si definisce dall'interno con le grandi correnti che non cessano di attraversarla e che la percorrono da lunghissimi tempi (Lucien Febvre)

Ultimi articoli

Una prima ipotesi sull’idea di istituzione
Ricerche, 6 novembre 2019

I grandi pensatori hanno sempre assunto un punto di vista istituzionale “Qui sta il problema, si tratta di sapere dove si trova nella società il potere creativo”1, così Hauriou...

Apri

ETHOS AGENTE CONTRO PATHOS POPULISTA
Interventi, 21 aprile 2019

Se telos è il dispiegarsi dinamico della verità apriori, l’ethos non può essere che prolessi di una nuova forma di protagonismo europeo perché contiene la prefigurazione della ...

tag:

Apri

RITA DI LEO: LA VITTORIA DEL “SACRO ESPERIMENTO” SULL’”ESPERIMENTO PROFANO”
Ricerche, 12 aprile 2019

Era qualche tempo che non si leggevano i libri della Di Leo; ci si diceva: “È finita l’Urss, cos’avrà da dire di nuovo la Di Leo?” Poi l’anno scorso è uscito L’età della moneta. I ...

Apri

Leggi tutto

Interventi: Il punto di vista di Epimeteo
ETHOS AGENTE CONTRO PATHOS POPULISTA
21 aprile 2019

Se telos è il dispiegarsi dinamico della verità apriori, l’ethos non può essere che prolessi di una nuova forma di protagonismo europeo perché contiene la prefigurazione della volontà di sovradeterminazione del Globo da parte del Mondo come forma ordinativa dell’agire dell’ethos. Quest’ultimo, fondato sul superamento di ogni forma di escatologia – quindi di primato dell’etica – è per essenza polemos contro la tirannia dei valori, base ideologica dell’internazionalizzazione del sistema sociale; il quale considera ordine spontaneo l’anarchia tecnico-economica globalizzata e governance la forma della Weltpolitik come caos destrutturato da dinamiche di neonazionalismo imperiale. L’ethos antimessianico è una pragmatica (e drammatica) esigenza posta dall’incapacità dei sistemi sociali organizzati in spazi sistemici di produrre leadership responsabili: chi decide è, in realtà, oggettivamente eterodiretto dal riemergere di miti – forse obsoleti, ma sempre efficaci perché mai morti – la cui potenza di mobilitazione è oggi enormemente amplificata dal sistema dei mass-media in accelerata fase d’innovazione, che ha reso tanto raffinata quanto incontenibile la capacità di manipolazione e di cattura del consenso. Al punto che è tale sistema – costituente il perno del “quaternario” e quindi il motore più innovativo dell’ultima forma di capitalismo – il vero regista occulto ed impersonale della selezione dei capi e/o della circolazione delle élites. Su queste basi è chiaro che non può esistere una guida del mondo capace di decisione sulla ricostruzione del binom...
Apri

Ricerche: Le ricerche di Epimeteo
Una prima ipotesi sull’idea di istituzione
6 novembre 2019

I grandi pensatori hanno sempre assunto un punto di vista istituzionale

    “Qui sta il problema, si tratta di sapere dove si trova nella società il potere creativo”1, così Hauriou nel 1925. Il concetto di istituzione assimilabile ad un atto fondativo, determina uno spazio pubblico-politico ed è all’origine di una forma ordinamentale di relazioni sociali. Condizione essenziale per il sorgere di un’istituzione è quella che lo stesso Hauriou definisce “idée directrice”: una presa di posizione che potremmo tradurre anche come “atto di fede”, atto creativo. Scrive appunto Hauriou all’amico Jacques Chevalier il 14 giugno 1923: “La teoria dell’istituzione è al fondo legata all’idea di Dio.”2 E non a caso lo stesso Schmitt a proposito del nomos basileus, citando Hölderlin, soggiunge: “Il nomos…è la forma nella quale l’uomo incontra se stesso e Dio, la Chiesa e la legge dello Stato e le statuizioni ereditate, che, più rigorosamente dell’arte, tengono fermi quei rapporti vitali, in cui col tempo un popolo incontra e ha incontrato se stesso.”3
Istituzione politica e rappresentazione di senso fanno tutt’uno; si costituisce una forma intenzionata di senso di lungo periodo e tuttavia tale senso non è immediatamente presente alla percezione individuale che si dimostra meno reale di una tale analogisierende Abbildung. La Repräsentation, il suo senso ontologico, non si esaurisce in una pura oggettività, ma mantiene una propria alterità. “La pienezza della rappresentazione è…il sistema di quelle det...
Apri

Copyright | Privacy | Credits