Materiali di teologia politica dell'Europa e contributi al realismo politico

L'Europa si definisce dall'interno con le grandi correnti che non cessano di attraversarla e che la percorrono da lunghissimi tempi (Lucien Febvre)

Ultimi articoli

Appunti di lettura su la CRUNA DELL’EGO di Pierangelo Sequeri
Interventi, 18 febbraio 2019

Antropologia della tarda modernità: da Prometeo a Narciso È difficile sopravvalutare la profondità dello sguardo, intrecciata a una forte compartecipazione affettiva, che si esprime in questo brev...

Apri

Hans Blumenberg: dall’autoaffermazione alla senescenza della modernità
Ricerche, 21 gennaio 2019

L’ipotesi complessiva sulla base della quale si tenta questa interpretazione dell’arco trentennale della ricerca teorica di Blumenberg può essere così riassunta: dall’apologia dell’autogenes...

tag:

Apri

Appunti su PROTESTA, di Niklas Luhmann
Interventi, 13 gennaio 2019

N. Luhmann, Protesta. Teoria dei sistemi e movimenti sociali, Mimesis, Milano-Udine, 2017, (Protest. Systemtheorie und soziale Bewegungen, Suhrkamp Verlag, Frankfurt a.M. 1996) ...

Apri

Leggi tutto

Interventi: Il punto di vista di Epimeteo
Appunti di lettura su la CRUNA DELL’EGO di Pierangelo Sequeri
18 febbraio 2019

Antropologia della tarda modernità: da Prometeo a Narciso È difficile sopravvalutare la profondità dello sguardo, intrecciata a una forte compartecipazione affettiva, che si esprime in questo breve ma densissimo testo di Sequeri, che mette capo innanzitutto ad una acuta delineazione della condizione antropologica della tarda modernità, oltre che proporre importanti elaborazioni teoriche in rapporto alla legittimazione etica e politica del “legame sociale”. Il teologo milanese individua il contrassegno fondamentale della soggettività, così come attualmente si configura, nella “metamorfosi della libertà dei moderni nella costellazione narcisistica dell’auto-realizzazione” (p. 13). Il passaggio dall’ingiunzione all’auto-realizzazione, di per sé giustificabile, alla incurvatura narcisistica dell’auto-referenzialità si è dato secondo Sequeri con l’immanentizzazione del “seme evangelico” (ibidem), che ha il suo radicamento nell’agape divina e che è germogliato nelle acquisizioni irrinunciabili della civiltà europea in termini di “dignità della persona, principio dell’auto-determinazione, diritto al riconoscimento, ricerca dell’identità”. (ibidem) Come si vede, si tratta della costellazione giuridica dei “diritti dell’uomo” come si sono delineati a partire dall’illuminismo. Il passaggio alla declinazione narcisistica di tali inalienabili diritti è stato determinato dal loro sradicamento dal fondamento trascendente, e con questa diagnosi Epimeteo non può che concordare pienamente: “La versione immanente dell’auto-realizzazione umana, tuttavia, che mira a sradicarla dall’alterità della generazione divina in cui è c...
Apri

Contributi

Leggi tutto

Dello Spirito Libero - Officine Tronti

Lorem ipsum dolor sit amet, eu dolore quaerendum per. Ne vim minim sonet luptatum. Ius zril delenit no, ignota contentiones et pri, sanctus probatus efficiantur ut eum. In fabulas salutandi qui


Vai

Ricerche: Le ricerche di Epimeteo
Hans Blumenberg: dall’autoaffermazione alla senescenza della modernità
21 gennaio 2019

L’ipotesi complessiva sulla base della quale si tenta questa interpretazione dell’arco trentennale della ricerca teorica di Blumenberg può essere così riassunta: dall’apologia dell’autogenesi e dell’autonomia della modernità, della sua “legittimità” storica, alla constatazione della sua senescenza, del suo essere pervenuta ad uno stato di inerzia in cui il sommo criterio di orientamento si è ridotto alla mera autoconservazione dell’acquisito.

    All’interno di questa ipotesi interpretativa generale, il primo elemento che si vuole mettere in evidenza è la forte valenza politico-ideologica (si potrebbe anche dire “retorica”, data l’importanza che questa modalità della comunicazione e dell’argomentazione assume in Blumenberg) della tesi sulla modernità come autoaffermazione dell’umano in contrasto alla tesi della secolarizzazione. Per il filosofo di Lubecca è decisivo autonomizzare la modernità dalla sua radice cristiana, purificarla geneticamente dal suo radicamento nel trascendente, in qualsiasi forma esso si presenti, liberarla da quell’”assolutismo teologico” che aveva dominato l’Europa medioevale, così come l’antropogenesi era consistita nella liberazione dall’”assolutismo della realtà”. Per essere espliciti, tale valenza politico-ideologica ha il nome di liberalismo, in quanto contrapposizione a ogni forma di assolutismo e dunque in quanto relativismo epistemologico, difesa della libertà dell’individuo, edonismo, ossia “principio del piacere” come criterio orientativo di ultima istanza nella complessità dell’esistenza, ma nello stesso tempo piena co...
    Apri

Copyright | Privacy | Credits